Il primo viaggio intorno al mondo

Senza-titolo-3

Tu che sei in viaggio
sono le tue orme la strada
nient’altro
Tu che sei in viaggio
non sei su una strada
la strada la fai tu andando
Mentre vai si fa la strada
e girandoti indietro
vedrai il sentiero che mai più calpesterai
Tu che sei in viaggio
non hai una strada, ma solo scie nel mare.

(Antonio Machado)

Viaggiare e scoprire nuovi sentieri inseguendo nuove mete. Per necessità di sopravvivenza, curiosità verso ciò che è altro, instabilità dell’anima, apertura all’infinito. Da sempre l’uomo si è evoluto muovendosi nello spazio, ma chi ha iniziato e compiuto per primo il viaggio intorno al mondo?

Facciamo un salto indietro nel tempo. Siamo nel 1453: i Turchi conquistano Costantinopoli, rendendo pericolosa e instabile l’attività commerciale nel Mediterraneo orientale, che fino ad ora è stata la principale rotta commerciale degli europei per l’importazione di beni di lusso e spezie dall’Oriente. Venezia e Genova, i maggiori porti commerciali di accoglienza delle navi provenienti dall’Adriatico, rimangono isolati, e l’Europa è costretta a cercare altre rotte per il commercio con l’Asia. Nel frattempo, anche le miniere del Nord Africa si esauriscono, le monarchie nazionali europee sono disposte a finanziare le esportazioni e la cultura umanistica lascia spazio alla convinzione che la terra non è piatta, ma sferica.

Bartolomeo Diaz, Vasco da Gama, Cristoforo Colombo, Pedro Cabral, Amerigo Vespucci e Ferdinando Magellano sono i primi a superare la concezione tolemaico-aristotelica correndo il rischio di avventurarsi intorno al mondo. Diaz giunge al Capo di Buona Speranza, l’estremità del Sud Africa. Da Gama arriva a Calicut, in India. Cristoforo Colombo, finanziato da Isabella di Spagna, si avventura alla ricerca delle Indie partendo da Los Palos de la Frontera, ma arriva a San Salvador nei Caraibi. Pedro Cabral, alla ricerca di una via di collegamento tra il Portogallo e l’India, a causa di una tempesta oceanica finisce in Brasile. Amerigo Vespucci, partito anche lui dal Portogallo, è il primo a capire di essere finito in un nuovo continente, che per questa ragione prenderà il suo nome. Ma tra i primi esploratori passati alla storia, è Ferdinando Magellano a circumnavigare per primo la Terra.

Magellano, finanziato da Carlo V di Spagna, parte da Siviglia con cinque caravelle seguendo il corso del Guadalquivir. Vuole arrivare in Asia passando a occidente, così giunge in Sud America scoprendo nel 1520 lo stretto che prenderà il suo nome e denominando quel mare Oceano Pacifico. Arriverà fino alle Filippine, dove resterà ucciso, ma la sua esplorazione si concluderà in Spagna nel 1522, grazie ai diciotto superstiti della nave Vittoria.
Queste le principali tappe del viaggio di Magellano:

  • Isole Canarie sull’Oceano Atlantico, davanti alla costa nord-occidentale dell’Africa;
  • costa sudamericana, con soggiorno alla baia di Santa Lucia (attuale Rio de Janeiro), per raggiungere l’Oceano Pacifico;
  • Rio de la Plata (attuale Buenos Aires) fino alla Baia di San Julian in Patagonia;
  • Stretto di Magellano: durante la traversata dello stretto che le porterà dall’Oceano Atlantico al Pacifico, le navi si trovano a destra la Patagonia e a sinistra la “Terra del Fuoco”, un promontorio, un’isola o forse un arcipelago;
  • Isole Molucche (attuale Indonesia): qui Magellano dimostra finalmente che la Terra è sferica. Ma non riesce a raggiungere le isole d’Oriente in un mese, bensì in tre mesi e venti giorni, dimostrando anche che l’estensione dell’Oceano Pacifico supera quella di tutti i continenti della Terra messi insieme;
  • Isole Marianne fino alle Filippine, dove trova l’area linguistica malese lasciata dodici anni prima;
  • Isola di Cebu fino all’Isola di Mactan, dove rimane ucciso durante la ribellione delle popolazioni locali all’opera di conversione al cristianesimo tentata dai suoi marinai;
  • Borneo fino alle Isole Molucche, dove l’equipaggio riesce a riportare un carico di spezie, ma la nave Trinidad rimane bloccata per poi ripartire verso oriente per raggiungere l’Europa;
  • la nave Vittoria fa una sosta alle Isole di Capo Verde mentre è in viaggio verso il Capo di Buona Speranza, con l’intento di risalire verso la Spagna attraverso l’Atlantico;
  • dalle Azzorre all’imbocco del Guadalquivir fino a Siviglia.

Da allora il famoso stretto a sud della Patagonia che ha preso il nome di Magellano non viene più percorso a causa della pericolosità della rotta, almeno fino ai tempi del pirata inglese Francis Drake, che lo sfrutta per derubare i coloni spagnoli dell’area. Nel 1914 viene riaperto anche il Canale di Panama, rendendo ormai inutile la traversata tra l’Atlantico e il Pacifico attraverso lo stretto.

Forte spirito di avventura, irrefrenabile curiosità, cieco coraggio:  i grandi esploratori della storia hanno iniziato così i loro viaggi e così hanno scoperto il mondo. E come diceva Lao Tse:

Un viaggio di mille miglia ha inizio sotto la pianta dei tuoi piedi.

Annunci

Un pensiero riguardo “Il primo viaggio intorno al mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...