L’innovazione nel settore dell’interpretariato – Intervista “A tu per tu con i professionisti”

Intervista del 28 aprile 2020 ad Alessandra Checcarelli, ospite del ciclo di dirette “A tu per tu con i professionisti” organizzato dalla SSML San Domenico di Roma.

IMG_20200501_175742

Buon pomeriggio alla nostra ospite del secondo giorno del ciclo di dirette “A tu per tu con i professionisti”: oggi abbiamo Alessandra Checcarelli, interprete e traduttrice.

Racconto brevemente come ci siamo conosciute, per rimarcare quanto è importante lavorare nel Web. Ci siamo conosciute perché Alessandra ha un blog molto interessante, che tratta di lingue, traduzione, e interpretariato, e anche perché poi sono andata a vedere chi era e cosa faceva. Ha in parallelo anche un sito vetrina, che parla della sua attività, del suo curriculum, dei suoi servizi, quindi ha tutta una struttura ad hoc. Poi dalla presenza on-line a LinkedIn, da LinkedIn a un bel messaggio, dal messaggio a un invito a un evento, poi purtroppo c’è stato il lockdown e non abbiamo potuto fare l’evento, ma ci siamo conosciute dal vivo e adesso ci incontriamo di nuovo tramite PC, in streaming.

Vuoi raccontarti brevemente e dirci chi sei?

Ho iniziato a occuparmi di interpretariato frequentando la scuola interpreti. Sono partita direttamente con un percorso da scuola interpreti, frequentando prima la facoltà di Mediazione Linguistica e Culturale per avere le basi della traduzione scritta e della traduzione orale o interpretazione. Dopodiché ho frequentato il corso di laurea di secondo livello in Interpretariato di Conferenza perché mi sentivo più portata per la traduzione orale per motivi caratteriali. Terminato il percorso universitario, precisamente dieci anni fa, nel 2010, ho iniziato l’attività di interprete e traduttrice, all’inizio più lentamente, anche svolgendo dei lavori paralleli part-time sempre nel settore delle lingue, poi piano piano ho aumentato la base di clienti, di contatti, di colleghi ecc. e ho iniziato a svolgere a tempo pieno l’attività freelance soprattutto di interprete, ma anche di traduttrice.

Perché hai deciso di aprire il sito e il blog? Questi erano più o meno connessi al tuo percorso professionale? In quale fase li collochi?

Ai tempi dell’università ero una delle persone più lontane dalla tecnologia, o meglio, mi limitavo a conoscere la tecnologia di base che mi serviva per svolgere soltanto l’attività di traduttrice e interprete, che poi chiaramente ho approfondito nel corso del tempo e dopo la laurea. Poi però mi sono resa conto che la pubblicità era una cosa molto importante, non soltanto dal vivo (i contatti personali con i colleghi e con i clienti e quindi il passaparola, che chiaramente è utilissimo), ma anche la presenza on-line. Oggi come oggi, senza presenza on-line si è quasi fuori dal mercato. Con il sito web ho iniziato qualche anno dopo, cinque o sei anni fa; mi serviva chiaramente un sito web di tipo vetrina, nel quale potessi almeno far vedere innanzitutto che esistevo, poi che cosa facevo, come avevo intenzione di venire incontro alle esigenze dei diversi clienti, quali clienti ecc. Poi ovviamente tutto è andato di pari passo con delle specializzazioni che ho approfondito e portato avanti nel corso del tempo. Quindi prima è venuto il sito, poi piano piano e abbastanza recentemente, circa tre anni fa, ho aperto anche questo blog, per approfondire i miei interessi, dedicandolo non soltanto alla traduzione e all’interpretariato. Chiaramente questa era una sezione utile, anche perché avendo un sito statico mi serviva una piattaforma dove mantenere il passo con gli sviluppi del settore, informare i clienti, mantenere un contatto con i colleghi del settore, e per questo mi serviva una piattaforma dinamica. Il sito e il blog sono entrambi utilissimi, perché senza di essi tutto si baserebbe sul passaparola, che è fondamentale e anche naturale quando si svolge la libera professione, però avere una presenza on-line è essenziale e imprescindibile.

Infatti, a prescindere da quello che stiamo vivendo in questo momento, bisogna utilizzare più canali. Le relazioni personali face-to-face sono importanti, però dall’altra parte io che ti ho conosciuto voglio informarmi e capire bene cosa fai e chi sei, quindi la prima cosa che faccio è andarti a cercare. Ti cerco su Google e se hai un sito bene, vedo anche tutto quello che hai fatto, se ci sono delle foto anche meglio (ho visto anche le tue di foto sul tuo sito: una bella esperienza!). Puoi dirci qualcosa sulle esperienze più divertenti, più difficili o più particolari? Anche questo sarebbe interessante.

Le mie esperienze sono state e sono tuttora (lockdown escluso) abbastanza variegate, sono sempre state molto differenziate e diverse l’una dall’altra. Io non mi sono mai concentrata esclusivamente su un settore soltanto, proprio perché sono una persona dinamica e curiosa, mi piace conoscere tante cose, quindi sono partita da generalista piuttosto che da specialista, poi piano piano ho continuato a formarmi lavorando. È anche il lavoro, anzi, soprattutto il lavoro, che fa l’interprete, perché un interprete o un traduttore si forma sul campo, essendo professioni molto pratiche, non si può formare con la semplice teoria o con il semplice percorso di laurea. Si diventa professionisti svolgendo la professione. Questo è stato il mio caso. Poi avendo lavorato in settori diversi, dalla politica e quindi le istituzioni all’economia e alla finanza e quindi le aziende, considerando anche le singole specialità delle aziende, che sono tutte diverse (ognuna produce una cosa), ho iniziato uno studio per quanto riguarda la specialità della singola azienda o del singolo cliente e ho approfondito facendo diverse cose e approfondendone altre. Tra le più difficili, io direi che chiaramente il mercato privato è quanto più difficile ci possa essere per un interprete, più del pubblico, perché è più variegato. Almeno per quella che è la mia esperienza, nel privato la difficoltà sta nel fatto che ogni volta è una prima volta, ogni volta è una cosa diversa, e anche se si ripete l’argomento, è la realtà del cliente a cambiare. Se vogliamo servire un cliente, dobbiamo fare attenzione alla sua realtà: senza conoscere quella realtà, è difficile saperlo tradurre o interpretare bene. L’ambito istituzionale è complesso, però dipende dal tipo di istituzionale, che a volte può diventare complesso, a volte invece se si parla di assemblee o discorsi politici, se si conosce l’attualità, è un settore un po’ meno variegato, anche se non necessariamente più facile. Io ho fatto anche delle esperienze in televisione, traducendo anche capi di stato e di governo. Quelle sono state esperienze che io ho trovato molto divertenti.

Divertenti? Immagino anche emozionanti!

Sì e no, per un motivo semplice: sono state entusiasmanti più che emozionanti, perché “emozionante” potrebbe dire che l’emozione può giocare brutti scherzi e in quel caso l’interprete potrebbe riscontrare le difficoltà della diretta, cosa che non deve succedere. Da interpreti si impara ad avere sangue freddo, un po’ forse gli interpreti ce l’hanno di natura, un po’ chiaramente lo imparano, così come imparano a saper gestire le emozioni. Quindi parlare di incarichi emozionanti direi che è possibile fino a un certo punto: lo sono come esperienza in toto, ma non nel momento in cui si sta lavorando, quello non deve esserlo mai, o comunque dobbiamo cercare di limitare le emozioni il più possibile e mantenere la razionalità, perché si deve sempre capire il discorso che fa qualcun altro, ci si deve calare nella situazione, e nel momento in cui si è troppo emotivi, diventa difficile.

È proprio quello che deve fare l’interprete: non deve uscire fuori dal suo ruolo o far trasparire emozioni.

Esatto. Con questo non voglio dire che non si debbano avere, perché averle è essenziale per calarsi nel ruolo. Anche in quel caso, l’interprete che rende meglio il messaggio è l’interprete che molto probabilmente si cala meglio nei panni dell’oratore, oppure, come dicevo prima, nella realtà del cliente. Per esempio nei discorsi politici, ma a volte anche nell’interpretariato di tribunale in alcuni casi può diventare difficile, a seconda dei casi. Però è un mestiere in cui non ci si annoia e che ti mette alla prova in toto; a me piace tanto per questo.

È anche motivo di crescita sotto tutti i punti di vista, perché poi magari hai anche meno paura di fare certe cose, ad esempio parlare in pubblico diventa più semplice perché sei abituato a parlare davanti a un ministro oppure a un personaggio importante e quindi poi certe cose diventano più semplici, perché hai già provato certe emozioni prima della prestazione, mentre poi hai mantenuto il controllo, quindi impari per forza.

Sul parlare in pubblico, se parliamo sempre di fare l’interprete è vero, ma non è detto. Con il fatto che l’interprete con il tempo si abitua a parlare in pubblico, ma dicendo quello che ha detto qualcun altro, magari può trovare più difficoltà a raccontare in pubblico questioni personali oppure a fare degli interventi propri. Potrebbe essere più difficoltoso rispetto a quando si parla in pubblico e si rende il messaggio di qualcun altro.

Certo, ci sono tante situazioni e bisogna sperimentare per capire. Veniamo poi all’argomento super interessante, che io che non sono del settore giustamente non conoscevo, ma che ho scoperto on-line dal tuo blog e poi da te che me lo hai raccontato. Adesso mi farebbe piacere che anche tu lo raccontassi a tutti coloro che ci stanno seguendo. Parlo proprio dell’interpretariato in simultanea sottotitolato.

Questo è un servizio molto innovativo che sta prendendo piede negli ultimi anni. È un tipo di servizio che piano piano come mondo degli interpreti stiamo introducendo nel mercato, a partire da una tecnica che serve per fare i sottotitoli live. Prima di parlare di interpretazione simultanea sottotitolata, io partirei da come funziona la sottotitolazione in tempo reale. Io utilizzo una tecnica, che è quella del respeaking, che consiste nel dettare a un software che riconosce la mia voce quello che io sto sentendo, per poterlo poi trasmettere a un pubblico per esempio non udente. Se per esempio in questo momento un oratore sta parlando l’italiano, io voglio rendere il messaggio a un pubblico sordo, il quale, non potendolo ascoltare, lo può leggere. In sostanza quello che faccio è dettare il messaggio a questo software che riconosce la mia voce e trascrive quello che ho detto, in modo che il pubblico sordo lo possa leggere. Con questa tecnica io faccio un servizio di sottotitolazione in tempo reale. Potendolo fare dall’italiano, che è la mia madrelingua, verso l’italiano, lo posso fare anche come interprete, cioè considerando che un oratore parla una lingua che io posso tradurre in simultanea, ma non per un pubblico che mi ascolta, bensì per un software che lo trascrive e poi lo proietta su uno schermo affinché il pubblico lo possa leggere. Quindi l’interpretazione simultanea sottotitolata combina le tecniche dell’interpretazione simultanea classica con la tecnica del respeaking o respeakeraggio, in cui l’interprete “ridice” quello che sta dicendo l’oratore, e nel caso della simultanea aggiunge questo passaggio interlinguistico, per esempio l’oratore parla in inglese e io proietto i sottotitoli in italiano. Si tratta di un servizio in più destinato a un pubblico qualsiasi che può richiedere questo tipo di servizio. Chiaramente può essere un pubblico sordo, come nel caso del respeaking intralinguistico (la sottotitolazione in diretta da una lingua alla stessa lingua), oppure un pubblico straniero (con il passaggio da una lingua a un’altra).

Quand’è che viene applicato: quando si fa una conferenza, insieme all’interpretazione simultanea, in parallelo o sono due cose che si possono adottare separatamente?

Se parliamo di una conferenza, l’interpretazione simultanea sottotitolata si fa in un contesto ideale nel quale ci sono (come nel caso della simultanea classica) un pubblico straniero e un oratore che parla una lingua diversa. Come funziona? O è lo stesso interprete a essere anche respeaker, e in quel caso l’interprete funge da interprete-respeaker, dettando al software il messaggio in un’altra lingua, allo stesso tempo facendo la simultanea, dettandola al software, manovrando i comandi del software e correggendo per fare in modo che la resa non sia sbagliata. Poiché per questo è richiesto un carico cognitivo molto elevato (dato dalla combinazione delle varie tecniche, dall’utilizzo della tecnologia, per cui si hanno sotto controllo tante cose in più), in questo caso si può pensare anche di avere due interpreti (chi fa l’interprete ha sempre bisogno di un collega di cabina o da remoto che lo sostituisca ogni venti minuti, per cui ogni venti minuti lavora uno dei due interpreti) e due respeaker, altrimenti il livello di stress per combinare tutti i servizi credo sia almeno il doppio di quello della simultanea classica. Questo è il motivo per cui questo tipo di servizio, richiedendo quattro professionisti anziché due, forse fatica un po’ a prendere piede, ma è anche vero che avere due interpreti-respeaker per tutta la giornata è difficile senza che si raggiungano livelli di stress elevati. A volte succede, mi è capitato, però chiaramente anche lì dipende dal cliente, perché anche per il cliente, seguire per tutto il tempo una trascrizione o un sottotitolo piuttosto che ascoltare è più faticoso. Per questo credo che difficilmente riusciremo a soppiantare la simultanea tradizionale, è soltanto un tipo di servizio diverso per un utente diverso che richiede una resa diversa, però non sono servizi concorrenti.

Chiaramente questa tecnica può essere applicata anche da remoto, giusto?

Esatto, può essere applicata molto bene anche da remoto. Questo è vero sia se parliamo di semplice simultanea sia se parliamo di simultanea sottotitolata sia se parliamo anche solo di respeaking. Chiaramente è possibile anche farlo da remoto, aggiungendo in più delle piattaforme in tutti i casi.

Ho detto questo perché chiaramente adesso è tutto bloccato e non c’è più la conferenza fatta nella maniera tradizionale, ma ci sarebbero le conferenze da poter organizzare in streaming. Anche questo è un appello che vorrei lanciare: purtroppo, in questo momento in cui siamo tutti fermi, ci sono delle modalità che possono essere adottate. Ci sono tantissime piattaforme che hanno concesso licenze a titolo gratuito, non solo alle istituzioni, o hanno fatto degli sconti abbastanza importanti, quindi l’evento che non si potrà più organizzare di persona come prima si può fare in streaming. Tutti i servizi che sono connessi a un evento (chiaramente l’unico che non c’è è il coffee break, ma forse quello si può fare virtualmente) come l’interpretariato si possono fare da remoto, quindi anche questa sottocategoria dell’interpretariato in simultanea si può fare allo stesso tempo da remoto; le soluzioni si possono trovare. Questa diretta di oggi serve anche a trasmettere messaggi come questo: si possono organizzare comunque eventi, si possono comunque adottare soluzioni alternative.

Esatto, più che altro perché sono servizi molto utili e più che sottocategorie della simultanea sono modalità ancora diverse di poter effettuare e usufruire della simultanea. Il fatto che sia da remoto non dovrebbe bloccare gli utenti o evitare che la utilizzino per dubbi di funzionamento, perché adesso le piattaforme si stanno evolvendo e sviluppando sia dal lato cliente che dal lato interprete. Anche gli stessi interpreti non incontreranno (se la tecnologia continua a evolversi) tante più difficoltà rispetto alla simultanea tradizionale, perché comunque i problemi tecnici possono esserci sia in una situazione dal vivo che in una situazione da remoto. Chiaramente quando si lavora in remoto non c’è nulla di tangibile, l’impatto è diverso, però anche lì è una questione di abitudine: ci sono piattaforme che trasmettono un audio molto pulito e molto buono sia per gli interpreti che ascoltano e quindi riescono a lavorare sia per chi usufruisce del servizio. Molto spesso queste piattaforme garantiscono la resa al cliente direttamente su smartphone con una app, tramite la quale si riesce ad ascoltare la simultanea come se il telefono diventasse un ricevitore che si utilizza nella simultanea classica.

Adesso mi è venuto in mente anche un altro argomento, parlando del telefono: esiste anche l’interpretariato in consecutiva tramite telefono?

La tecnologia può fare miracoli e, almeno per quella che è la mia esperienza, a volte l’interpretazione è possibile farla anche al telefono. Quando dico al telefono non intendo solo una piattaforma come può essere Skype o qualsiasi piattaforma telefonica, ma proprio lo smartphone. In quel caso si fa molto spesso consecutiva più che simultanea, ovvero, piuttosto che la simultanea, nella quale la voce dell’interprete si sovrappone a quella di chi parla, la consecutiva serve per rendere un messaggio dopo che l’oratore finisce di parlare. Se si tratta di interviste telefoniche, è possibile che l’interprete consecutivista sia chiamato anche a svolgere dei servizi di interpretariato telefonico in consecutiva. Chiaramente lì il problema è che la voce o l’audio che arrivano dal telefono non sono quelli che possono arrivare in cuffia; dovrebbe essere un audio pulito, ma non è sempre così. Questo potrebbe essere un problema, perché chiaramente l’interprete l’audio lo vuole avere pulito in quanto è proprio lo strumento del suo lavoro: senza ricevere l’audio, il messaggio non arriva. Tuttavia è una modalità fattibile nel momento in cui si conosce l’argomento o ciò di cui si sta parlando: in quel caso non è nulla di impossibile.

Certo, conoscere l’argomento aiuta: se c’è un buco nell’audio oppure non si sente bene, magari si riesce a ricostruire il discorso.

Sicuramente aiuta. Certo, l’audio pulito è sicuramente la situazione ideale. Però se vogliamo parlare di evolversi e di quello che sarà il futuro, senza rimanere soltanto con i sistemi tradizionali, sebbene sicuramente funzionanti, dobbiamo anche aprirci per far funzionare bene gli strumenti tecnologici che ci serviranno per l’interpretariato del futuro.

Sicuramente qualcuno ideerà una app che pulirà anche l’audio…

Non so se sia possibile, ma vorrei sperare che sia così. Questo non vuol dire che l’interpretariato da remoto o telefonico o comunque la tecnologia debbano sostituire per forza l’interpretariato tradizionale. Sarà comunque il mercato a dettare la linea guida e se sarà più richiesto un servizio o un altro non sarà sicuramente l’interprete a deciderlo, se non promuovendo le condizioni ottimali per svolgere il servizio, però oltre a quello si tratta sempre di una combinazione tra quello che si offre e quello di cui si fruisce.

Certo, è un adattamento, un cambiamento, poi piano piano ci si adatterà, ci evolveremo e vedremo qual è la soluzione migliore per adottare anche questa diversa tipologia di interpretariato.

Può essere un servizio diverso e complementare, che non necessariamente deve rimpiazzare l’interpretariato di persona. Anzi, sono proprio servizi diversi nei quali molto spesso l’utenza è diversa, la soluzione è diversa, quindi il risultato è diverso. Una cosa non esclude l’altra, almeno io non ho una visione esclusiva, secondo me sopravviveranno in ogni caso.

Insieme, cioè sono varie tipologie che possono essere adottate “o” oppure “e”, nell’unione delle due cose. Ho visto che già siamo a trenta minuti di diretta, quindi faccio l’ultima domanda che farò a tutti: un consiglio che daresti a uno studente e un consiglio che daresti a un tuo collega interprete ma anche traduttore.

Se vogliamo parlare di consigli, io direi che questo vale sia per la traduzione che per l’interpretariato e vale in generale sia per uno studente che per un professionista. In sostanza darei uno stesso unico consiglio che ritengo essenziale per poter svolgere al meglio la professione. Trattandosi di una professione molto pratica, si inizia già a praticarla nel momento in cui si studia. Chiaramente poi si approfondisce, ma questo è il motivo per cui si tratta di un continuum ed è difficile, dal mio punto di vista, dare un consiglio separatamente a uno studente e a un professionista. Per entrambi io direi che il consiglio è questo: non smettere mai di essere curiosi, non smettere mai di leggere, di ascoltare, di indagare, di approfondire. Meglio si conosce un argomento e meglio lo si può interpretare, e in generale, più si conosce il mondo, più si ha una cultura generale ampia, più è facile essere un bravo traduttore e interprete. È sempre un percorso di miglioramento nel quale non si è mai arrivati. Secondo me questo è un mestiere nel quale chiaramente l’esperienza conta molto, perché con l’esperienza si riesce a essere migliori, ma non vuol dire che tanta esperienza sia sufficiente. È un continuo evolversi, un continuo imparare, quindi bisogna calarsi già in questa ottica da studenti senza limitarsi o fermarsi a quello che si studia all’università. Gli esami sono utilissimi, imparare la tecnica è utile, la lingua è utile, è tutto fondamentale e propedeutico, però non basta: è un punto di partenza che va scavalcato, bisogna andare oltre. Quindi: curiosità e mai smettere di indagare e seguire seminari. Tra l’altro adesso con la quarantena siamo anche facilitati in termini di tempo per poter seguire webinar di ogni tipo, per leggere, e per informarsi, perché solo con un’ampia conoscenza del mondo si riesce a lavorare al meglio. L’interprete questo fa: trasmette un messaggio, e senza sapere di cosa si parla è difficile trasmettere un messaggio.

Sì, poi più si ha cultura e meglio è sicuramente. Io penso anche che più ci si informa dapprima e meglio è, perché chiaramente si inizia ad acquisire più bagaglio culturale. Se io per esempio mi sveglio dopo dieci anni che mi sono laureato e inizio in quel momento a capire che forse quello che ho studiato non basta e devo andare oltre, allora lì ci saranno già tutti quelli che hanno iniziato durante il percorso universitario che saranno 20.000 anni luce rispetto una persona che ha iniziato troppo tardi. Quindi secondo me anche la tempistica è fondamentale.

Sicuramente sì, in questi casi lo è assolutamente. Credo anche che forse sia automatico, perché scegliere questo mestiere dovrebbe essere anche indice di curiosità.

Sì, però spesso e volentieri è una consapevolezza che si acquisisce con la maturità, magari quando si è piccoli questo ancora non si capisce. Per un interprete penso che lo sia ancora di più: se un interprete inizia subito ad approfondire, penso che sia molto più avvantaggiato rispetto a qualcun altro che inizia a farlo dopo. Poi è un cane che si morde la coda, perché magari troverà lavoro prima rispetto a chi invece non lo ha fatto…

Queste poi sono sempre situazioni da valutare caso per caso, non è automatico, però chiaramente la regola generale è che più si sa e meglio si può interpretare o tradurre. Se parlassimo la stessa lingua ma dicessimo cose diverse, non ci capiremmo lo stesso. Non si tratta solo di una questione linguistica, ma anche di contenuti e di conoscenza dell’argomento.

Anche di cultura, di conoscere anche l’origine di un paese oppure da dove viene la persona. Quando si parla di interpretare o tradurre due lingue diverse, non sono solo le due lingue, ma è tutto un mondo quello che ci si porta dietro.

Sicuramente anche la cultura, infatti è un’opera di mediazione, non soltanto un’opera di traduzione. La traduzione non esiste senza mediazione, non a caso il percorso non è inverso: si inizia con la mediazione e poi si va avanti per studiare o approfondire l’interpretariato o la traduzione. È un percorso sicuramente obbligato: non conoscendo la cultura di un paese, non si conosce nemmeno appieno la lingua, o meglio, non si sa trasmettere un messaggio. Questo mestiere è fatto di tante cose. Molto spesso chi non lo conosce o chi non è addentro tende a pensare che faccia tutto Google Translate oppure lo fa la app che mi parla e mi dice le cose in un’altra lingua. Perché, non si può fare così? Sì, liberissimi! Il problema è che il risultato non sarà lo stesso e alla fine non vi capirete.

Che era proprio l’obiettivo iniziale: cercare di capirsi.

Esatto, quindi l’aspetto umano non andrebbe assolutamente trascurato, oltre che l’aspetto culturale.

Ti ringrazio per aver partecipato a questa nostra iniziativa. Saluto tutti quanti, chi ci ha seguito. Buon pomeriggio a tutti.

Grazie mille e buon pomeriggio a tutti.

 

Il video integrale dell’intervista è disponibile su YouTube al link: https://www.youtube.com/watch?v=5cQUeO_0fS8 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...