“Trans-pretation”: il futuro dell’interpretazione simultanea è scritto?

Al convegno “100 years of Conference Interpreting” organizzato dall’Università di Ginvera, l’International Labour Organisation e l’AIIC, nella sessione dedicata al futuro dell’interpretazione simultanea, Carlo Eugeni ha lanciato la provocazione: “il futuro dell’interpretazione simultanea è scritto”.

di Carlo Eugeni

Telephone-interpreting

Respeaking

Partendo dal concetto di trans-pretation (Safar 2019), ossia l’ibridazione sempre più evidente e diffusa tra le forme di mediazione scritta (translation) e quelle di mediazione orale (interpretation), e passando per la sottotitolazione in tempo reale tramite respeaking, la prospettiva dell’interpretazione scritta pare meno assurda.

Per capirne meglio i dettagli, basta scomporre l’idea di interpretazione scritta nelle tre componenti hymesiane della traduzione: processo, prodotto e funzione. La natura del prodotto è l’unica che cambia perché il pubblico dovrebbe passare dal sentire l’interpretazione in cuffia al leggerla su uno schermo, come nel caso dei sottotitoli per non udenti offerti da Televideo e Mediavideo alle rispettive pagine 777.

La funzione rimarrebbe intatta, perché i sottotitoli svolgerebbero la stessa funzione traduttiva che svolge attualmente la voce nelle ricetrasmittenti, con décalage simile (si veda anche l’articolo di questo blog “L’interpretazione simultanea: origini, tecnologia e abilità dell’interprete”).

L’aspetto sul quale è interessante soffermarsi è il processo, molto simile a quello dell’interpretazione simultanea. Tra le tecniche usate per produrre sottotitoli in tempo reale, infatti, il respeaking consiste nell’ascoltare quello che dice l’oratore e, simultaneamente, ripeterlo o riformularlo oralmente a favore di un pubblico di sordi (nel caso della sottotitolazione intralinguistica). Grazie a un software di riconoscimento del parlato molto simile a quello che si usa per scrivere messaggi con la voce tramite smartphone, la voce del respeaker diventa testo, immediatamente visibile agli spettatori. A conferma della similitudine con la tecnica dell’interpretazione simultanea, i risultati del progetto LTA sulle competenze del sottotitolatore e la produzione di materiali didattici per la formazione (o autoformazione) del sottotitolatore in tempo reale e uno studio ancora in corso d’opera (Cosci, in stampa) che sembra confermare che le aree del cervello coinvolte nei due processi (resapeaking e interpretazione simultanea) sono le stesse così come la quantità di onde Alfa, Beta e Gamma, in linea con la Théorie du Sens.

Applicato alla conferenza in lingua straniera, questa tecnica è già stata sperimentata per tradurre oratori stranieri in contesti specifici (si vedano i progetti di onA.I.R. disponibili su www.respeakingonair.org) con un certo successo, confermato dalla soddisfazione degli utenti, che apprezzano in particolare la possibilità di riutilizzare i sottotitoli come appunti della conferenza e l’esperienza visiva di ricezione della traduzione.

Per quanto riguarda la formazione degli interpreti alla sottotitolazione nel momento in cui una tecnica del genere prendesse piede, si è già detto che le competenze dell’interprete e del respeaker sono molto simili. Tuttavia alcune differenze sussistono e richiedono una formazione specifica. Se ci sono alcune facoltà che si muovono in questo senso, la buona notizia è che il progetto LTA sta producendo materiali che saranno accessibili online e gratuitamente volti specificamente alla formazione e l’autoformazione del sottotitolatore in tempo reale.

Il take-home message è: “Don’t be afraid of technology. Give it a try and go written!”.

 

Informazioni sull’autore:

Carlo Eugeni è interprete, traduttore, respeaker, docente universitario, presidente del Comitato Scientifico di Intersteno e PhD con la prima tesi di ricerca sulla tecnica del respeaking per la sottotitolazione live. Attualmente partecipa al progetto di ricerca LTA (Live Text Access): http://ltaproject.eu.

Annunci

“100 years of Conference Interpreting”: best tweets from Geneva, October 3-4 2019

20190724_093742

With special thanks to all conference interpreters from all over the world who have been in Geneva over the last few days to contribute to our profession with their speeches, questions, debates, ideas and insights!

Here is a collection of the best tweets from #Conf1nt100.

When the interpreting doesn’t work, the meeting doesn’t work. When the interpreting is reliable, the meeting works.

(Guy Ryder)

Did you know that simultaneous interpreting used to be called “telephone interpreting” in its early days? The first audio system was designed by IBM.

(Cyril Belange)

Interpreting is not so susceptible to automation as some suggest.

(Guy Ryder)

How will technology be used not just to enhance interpretation services but to change them? (…) We must ensure that the future of interpreting is what we wish it to be, not what others think it should be.

(Guy Ryder)

When the interpretation stops, discussions stop; if the interpretation is not there, the process grinds to a halt.

(Guy Ryder)

Interpreting is a human experience. It is. Technology makes it possible, but it remains a human experience. That is where it’s greatest value resides.

(Barry S. Olsen)

However incoherent or illogical they may be speaking in their own language, somebody in the booth somewhere is going to make sense of it.

(Guy Ryder)

Perhaps the sharpest weapon in any arsenal is a qualified professional interpreter.

(Uroš Peterc)

Why study the history of interpreting?

“Historia est magistra vitae.” Cicero

“What happened in the past can influence what is happening today. But what is happening today does not influence the past.” Jesus Baigorri

“Know your history, know your profession.” Me

(Barry S. Olsen)

Interpreting promotes democracy and equality, mitigating power differences.

(Jesús Baigorri)

What was initially considered impossible – listening to be speaker while simultaneously conveying what the speaker was saying in another language – was discovered to be possible after all!

(Rachel Farmer)

After WWII, Japanese was considered too distant a language from English to be interpreted simultaneously. Interestingly, simultaneous interpreting from Japanese was actually provided at the ILO as early as 1928!

(Rachel Farmer)

Simultaneous interpreting began at the United Nations while the Nuremberg Trials were still underway.

(Jesús Baigorri Jalón)

Nuremberg interpreters had to deal with linguistic issues like the “past tense” but above all, they had to handle a very strong emotional charge.

(Jesús Baigorri Jalón)

Jean Herbert was known to say, “interpreting can be divided into theory and practice. So, let’s focus on practice.” I can relate to that. Not to say that theory isn’t important, but I’m a practical guy. To the extent that theory informs practice, I’m all for it.

(Barry S. Olsen)

Apparently some interpreting users used to see it as magic… then it became a profession. (It’s still magic. We just know how the trick is done.)

(Jonathan Downie)

Japanese was thought impossible to simultaneously interpret, despite the fact it had been done already – I’m glad that there’s at least one Japanese in the room to have the honour to be here and to listen to unmissable speeches on interpreting.

(Rié Hiramatsu)

The subject of interpreting is structured into two main parts, theory and practice. And now that theory is done, let’s start with the practice.

(Jean Herbert)

Our profession won’t have a future if we don’t give it a past.

(Jesús Bairgorri Jalón)

Why do staff interpreters have a 50/50 male-to-female ratio, while there are three female interpreters for every male interpreter in the profession in general?

(Josh Goldsmith)

Everyone wants interpreters to be “faithful to the original speaker” – but everyone has a different definition of what this means!

(Jonathan Downie)

Use their terminology, not ours, and you get much better answers.

(Jonathan Downie)

Stakeholder expectations are not static.

(Jonathan Downie)

The better we understand client needs, the better we will know how they will expect interpreters to contribute to meeting a client’s needs.

(Jonathan Downie)

You need to practice as much as possible, because practice makes perfect, and you can only learn by doing.

(Pedro Luís Queirós Duarte)

A circular economy of good interpreters, where nothing is wasted because the student becomes the trainer and helps new students.

(Pedro Luís Queirós Duarte)

Written interpreting? Wow! That will kick the legs out from under the current paradigm.

(Barry S. Olsen)

The only people not happy with the prospect of interpreters doing live subtitling is… interpreters.

(Jonathan Downie)

If we don’t know where we come from, we can hardly know where we’re going.

(Jesús Baigorri Jalón)

Many technological controversies have brought about controversies.

(Jesús Baigorri Jalón)

Respeaking technology = live subtitling, involves listening & reformulating, then a software transcribes the output in written form. Technology engages the same area of the brain as simultaneous interpreting. Could  “written interpreting” be possible? Carlo Eugeni thinks so.

(Sylvie Nossereau)

The EU institutions work with 24 official languages, which means there are more than 500 language combinations. Interpreters play a key role contributing to peace and understanding.

(Juan Carlos Jiménez)

Multilingualism in Canada dates back to the Constitution Act of 1867, when French and English were both allowed and promoted in the Canadian Parliament. However, the shift from symbolic bilingualism to true bilingualism came 100 years later, with the introduction of simultaneous interpreting in the Canadian House of Commons.

(Matthew Ball)

Please note that the “term is International Sign, rather than International Sign Language or International Signs, this indicates that IS does not have full linguistic status but is a translanguaging practice”.

(Maya de Wit)

As interpreters, we have a bit of an identity crisis, because we’re always in the background.

(Uroš Peterc)

The European Parliament tested remote interpreting in November 2003 – the booths for the ten new member states hadn’t been built yet!

(Josh Goldsmith)

We have become completely anonymous non-beings, just voices… We are not just voices. We are part of the interaction.

(Barry S. Olsen)

Jesús Baigorri argues that younger people may be more accustomed to screens and more likely to adopt remote interpreting – but interestingly enough, in my research, colleagues adopting technologies tend to have many years of experience.

(Josh Goldsmith)

Alienation is the interpreter’s main fear – proximity is important in interpreting.

(Uroš Peterc)

The connection and the ability to bring people together give us sense of satisfaction and bring many people into the profession… We are not just voices.

(Barry S. Olsen)

As Professor Olsen says, interpreters are not just voices — remote interpretation should not further anonymise the people behind the booth (or screen).

(Interprefy)

We are still using a map of the brain created 100 years ago. 1993 was the first time a researcher recorded the brain activity of someone interpreting. A lot has been achieved since then, especially in terms of computer analysis, technique and sample size.

(Alexis Hervais-Adelman)

Interpreters’ brains, compared to those of non-interpreter bilinguals, change their configuration as a function of interpreting.

(Alexis Hervais-Adelman)

Interpreting is harder than “just” shadowing, as more brain areas are activated during the task due to the bilingual nature of the exercise.

(Alexis Hervais-Adelman)

Expertise modifies several areas of the brain. This is also true for interpreting, where processing capacity and control of attention seem to develop over time.

(Alexis Hervais-Adelman)

The right caudate nucleus changes its activity due to interpreter training, just as does for expert musicians and golfers.

(Alexis Hervais-Adelman)

With expertise, interpreters’ brains free up new resources to refine performance, analogous to patterns in professional golfers, chess players, and musicians.

(Alexis Hervais-Adelman)

“Inside the skull of every one of us, there is something like a brain of a crocodile” (Carl Sagan). Apparently, this primal brain is more activated than expected when interpreting.

(Alexis Hervais-Adelman)

When looking at brain maps recorded when participants interpret, we notice that most brain areas are activated. Being an interpreter is therefore much more than being an expert in languages, it is about being an expert in control.

(Alexis Hervais-Adelman)

Thanks to interpreting, our brains change. Our skills in other domains – like memory and attention – improve.

(Alexis Hervais-Adelman)

Being an interpreter is more than being an expert in language, it means being an expert in control. Interpreting is a task “involving all of the brain’s resources”. Interpreters’ brains are beautiful!

(Alexis Hervais-Adelman)

Neuroscientists gathered at the #Conf1nt100 at @FTI_UNIGE to explain why they are so interested in simultaneous interpreting: “it is the upper end of the language control spectrum: extreme language control”.

(Marzia Sebastiani)

German A interpreters working into a B language use anticipation more often than other A languages (but also make more mistakes when anticipating).

(Franz Pöchhacker)

Anticipation: a strategy used my many interpreters when they rely on context or world knowledge to produce the target language equivalent before it is uttered.

(Franz Pöchhacker)

Retour anticipation only helps if you have the expressive skills in your B language.

(Franz Poechhacker)

In a study, German A participants working into an English B had a significantly higher instance of successful anticipation than English natives working in the same direction, but only if they have adequate expressive skills in the target language.

(Franz Poechhacker)

Prediction helps us comprehend more rapidly. (…) So it stands to reason interpreters make predictions to understand the speaker’s message more quickly.

(Rhona Amos)

Interpreters predicted target words earlier than translators.

(Rhona Amos)

In multilinguals, all languages are activated at the same time. Co-activation works like a search engine – and sometimes, there are just too many tabs open!

(Laura Keller)

Our eyes may not reveal all of the things that can be revealed about this very complicated task of simultaneous interpreting.

(Laura Keller)

Becoming an interpreter is a great way of increasing your vocabulary.

(Laura Babcock)

How do interpreters manage their cognitive load?

– They anticipate

– They improve their memory, and

– They increase their lexical access

Insights from Laura Babcock

(Rachel Farmer)

Interpreters consider that being able to see the speaker is absolutely crucial to understand the speaker, but with the introduction of remote interpreting, this principle is often questioned.

(Eléonore Arbona)

Interpreters perceive gestures to be very important to understand the speaker’s meaning.

(Eléonore Arbona)

Few studies tackle the link between quality in interpreting and the ability to see the speaker. This means that we do not have any scientific proof to claim that seeing the speaker is necessary for interpreting.

(Eléonore Arbona)

I often gesture while interpreting in the booth and have seen other Southern European colleagues do so too. I definitely feel like I find the right words more easily.

(Nuria Campoy)

The décalage is the same for men and women, but it’s not the same for fast and slow speakers.

(Camille Collard)

Experimental researchers and corpus researchers should come together and complement one another to improve understanding of interpreting.

(Camille Collard)

Joindre le geste à la parole aide-t-il vraiment les interprètes à exercer leur métier? Cela reste à démontrer mais ça ne veut pas dire que ce n’est pas un plus en cabine.

(Eléonore Arbona)

Quality is almost always defined negatively: errors, disfluencies, etc. It is never defined positively in interpreting studies – only as what you shouldn’t do.

(Bart Defrancq)

We need to understand situational factors underpinning interpreter decisions better. That will be the added value of a human interpreter, compared to artificial intelligence.

(Ebru Diriker)

We still lack research on retour interpreting. Indeed, we know that interpreting into a B language is cognitively different than interpreting into a A language, but current cognitive models do not make this distinction.

(Bart Defrancq)

The brain centres interpreters use when working into their A language are not the same as the ones used when working in retour which should have implications for interpreting training.

(Maha El-Metwally)

Les aires du cerveau qui sont recrutées pour interpréter vers la langue B (retour) sont différentes des aires activées pendant l’interprétation vers la langue A.

(Bart Defrancq cite les recherches d’Alfonso García)

Ne serait-il pas dangereux de remettre le niveau de qualité attendue des interprètes dans les mains des utilisateurs?

(Toufic Abichaker)

Researchers can speak truth to power.

(Kilian G. Seeber)

On parle beaucoup de la qualité de l’interprétation, “mais est-ce qu’on mesure aussi la qualité de l’orateur?”

(Bart Defrancq)

I am very much a made, not born interpreter.

(Jacolyn Harmer)

English is everywhere, spoken by both native and non-native speakers of English. Speaking Globish creates another kind of identity and English now is a sine qua non for interpretation students.

(Jacolyn Harmer)

Nuremberg was a live curriculum lab to identify key skills and subskills of simultaneous interpreting.

(Jacolyn Harmer)

Alienation is the interpreter’s main fear.

(Uros Peterc)

Adoption of technology is the newest change in the interpreting classroom.

(Jacolyn Harmer)

Tomorrow’s human interpreters will engage in human-machine interaction thanks to artificial intelligence designed to support the human interpreter.

(Jacolyn Harmer)

There are no shortcuts.

(Jacolyn Harmer)

Interpreter training can be supported by research and new technology.

(Jacolyn Harmer)

Consec and sim in courtrooms, sometimes remote. Same for medical interpreters. Cinderella has long since joined her sisters at the ball.

(Jacolyn Harmer)

Why do we continue doing consecutive, when we could do sim-consec?

(Marie Diur)

Interpreters won’t be replaced by technology but they will be replaced by interpreters who use technology.

(Marie Diur and Lucía Ruiz Rosendo)

Not all natives have an A language.

(Nathalie Loiseau)

Interpreters will not be replaced by technology, but interpreters using technology will replace those who don’t use it.

(Marie Diur)

Universities need to go beyond teaching the technologies of today and teach the technologies of tomorrow: Deep learning, neural networks, artificial intelligence, and more.

(Claudio Fantinuoli)

Someday interpreters will be confronted with this AI interpreting. It’s not for tomorrow yet, but the day after tomorrow.

(Claudio Fantinuoli)

How help novice interpreters making the leap from graduation to a successful career. In a way it is a mission impossible. Almost impossible to deliver turnkey interpreters ready for the booth as from day 1.

(Jacolyn Harmer)

Given low accreditation rates, we are under an obligation to make sure our future graduates are specialists, not generalists.

(Jacolyn Harmer)

AI tech is invading the field of interpreters. Make it a valuable helper or it might turn into your worst competitor! We need to develop informed knowledge on deep learning and neural networks.

(Claudio Fantinuoli)

You can’t prepare students for machine interpreting. You can, however, make them aware of what it is. We will arrive at a stage where we will see a combination of human and machine interpreting. We will need trained interpreters to support clients.

(Claudio Fantinuoli)

It is insufficient to say: interpreting is so complex, a machine cannot do it. We live in a knowledge society and our profession needs knowledge about this topic too. This is a tough one for us, I know. At university we need broader approach than the institutions.

(Claudio Fantinuoli)

AI interpreting could be an aid in certain circumstances and actually expand the use of interpretation. Do we want access to languages and communication to be elitist or accessible to all?

(Sarah Hickey)

Don’t call speech-to-speech translation “machine interpretation.” It isn’t. AI does not interpret language, it crunches data with algorithms and produces results, the interpretation of which is left entirely up to the user.

(Barry S. Olsen)

Could one day technologies (speech-to-text + text-to-text + voice synthesizers) combine to produce automatic interpreting? Machine translation is here, how long till machine interpreters? We need to keep an eye on the developments and stay up to date.

(Sergei Chernov)

Multilingualism is part of our DNA. Multilingualism is not about officials or politicians speaking many languages but about all citizens being able to use their own language and we EU interpreters will make it understandable to all others!

(Hernandez-Saseta)

We as interpreters see machine/AI interpreting as a threat, society might well see it as an opportunity. It is coming anyway and it will influence client expectations. This is about much more than conference interpreting, about other uses too.

(Claudio Fantinuoli)

C’est quoi le multilinguisme ? C’est pouvoir s’exprimer dans sa langue maternelle et être interprété par des interprètes (ce n’est pas baragouiner dans plusieurs langues).

(Javier Hernandez-Saseta)

Thank God for those who are mad who protect us from those who are too wise.

(Christopher Thiéry)

Everything that can happen with technology doesn’t.

(Christopher Thiéry)

The future of interpreting at European Parliament interpreters may include:

– Augmented reality

– Voice-activated terminology searches and live transcription

– Captioning of live debates at meetings

(A. Walter Drop)

Our interpreters will require the right skills to do their job well in a changing environment. Our most immediate task is to help interpreters adapt to the changes we see.

(A. Walter Drop)

Let’s be controversial. Let’s be troublesome.

(Troblesome Terps)

Whenever there has been a significant change in society, interpreters have been there.

(Barry S. Olsen)

Interdisciplinarity is an act of improvisation. I can’t think of any better preparation for interpreting than madness and improvisation.

(Interpreter History)

Remote is already a reality in the private market. And it works. It allows language access. There is a lot of useful information out there.

(Barry S. Olsen)

It is not the only role – or the primary role – of academic research to produce only the findings that are in the interest of the profession. Academic research might go against the interests of the profession or what the profession wants to hear.

(Carmen Delgado)

L’apprentissage de la consécutive reste important aujourd’hui, même si on est peu ou pas amené à la pratiquer professionnellement: elle sert à l’interprète à analyser le discours.

(Marie Muttilainen)

Sometimes we use the wrong technology just because we feel the pressure. Instead, we need to sit in the driver’s seat. Otherwise, it will be too late, and we’ll see a tsunami – whether we like it or not, and whether the technology is ready or not.

(Claudio Fantinuoli)

Attention à la tendance de vouloir rédiger des textes de manière à ce qu’ils soient facilement traduis par des machines. Les orateurs doivent avoir la liberté de s’exprimer comme ils le veulent.

(Marie Muttilainen)

If you make a mistake in a two-day conference, nobody notices. If you make a mistake in a 15-minute speech, game over.

(Uroš Peterc)

I’m quite optimistic about the future of conference interpreting. But if you have a tsunami, you have an alarm. You know something is happening, and you can react and prepare.

(Claudio Fantinuoli)

How can an employer judge an interpreter who is working behind a screen and who is unknown to them in real life? How can employers assess the reputation of an interpreter working remotely?

(Marklen Konurbaev)

My job as Chief Intepreter is to sell excellence.

(Marie Diur)

There’s no point in doing bad interpreting – we might as well not interpret at all.

(Alexander C. Gansmeier)

We mustn’t be driven by technology. We have to drive technology.

(Claudio Fantinuoli)

It’s all about change, all the time. Technology is helpful but also a disruptor, which is good. And remember that conference interpreting is not interpretation, it is a very specific job.

(Uroš Peterc)

L’interpretazione simultanea: origini, tecnologia e abilità dell’interprete

Simultanea

Dopo aver parlato di interpretazione consecutiva (“L’interpretazione consecutiva: 5 miti da sfatare”), di chuchotage (“Chuchotage”) e della moltitudine di situazioni che richiedono all’interprete una flessibilità che va oltre le competenze tecniche (“Il lavoro dell’interprete: una professione, molteplici contesti”), presentiamo la modalità attualmente più standard di interpretazione di conferenza: la simultanea.

Le origini e la tecnologia

Prima del 1945, la modalità di interpretazione più utilizzata nelle conferenze internazionali era senza dubbio la consecutiva. Questa tecnica di traduzione orale risolveva i problemi di comunicazione tra i parlanti di lingue diverse, ma richiedendo l’alternanza dei turni tra gli oratori e gli interpreti, era spesso causa del lungo protrarsi degli eventi, la cui durata si estendeva da molte ore a più giornate.

Come illustravamo nell’articolo “I primi interpreti della storia”, il Processo di Norimberga fu il momento storico che segnò la svolta nell’interpretazione di conferenza. Il Tribunale Militare Internazionale decise che i criminali di guerra dovevano ricevere un opportuno, equo e rapido processo. Per garantire ciò era necessario che si potessero esprimere ciascuno nella propria lingua e che si adottasse un sistema di traduzione più veloce di quello allora più diffuso. Serviva una squadra numerosa di interpreti che fosse in grado di coprire tutte le combinazioni linguistiche presenti nello scambio comunicativo tra giudici, testimoni, avvocati, pubblici ministeri e giornalisti, nonché una tecnologia che consentisse agli interpreti di velocizzare il loro compito.

Così, il colonnello americano e interprete Léon Dostert propose l’interpretazione simultanea e formò un’équipe di 100 interpreti per abituarli a tradurre oralmente in tempo reale i discorsi spontanei dei partecipanti attivi ai processi. Ciò gli fu possibile grazie alla tecnologia dell’IBM, che aveva acquistato il sistema di interpretazione simultanea telefonica brevettato nel 1921 da Alan Gordon Finlay ed Edward Filene (fu lo stesso Filene ad utilizzare per primo il termine “interpretazione simultanea” nel 1925). La stessa strumentazione fu utilizzata dagli interpreti della Lega delle Nazioni, con la differenza fondamentale che gli interpreti traducevano i discorsi in anticipo per poi leggerli al microfono coprendo la voce dell’oratore. Gli interpreti del Processo di Norimberga avevano due compiti: tradurre simultaneamente “a vista” i documenti scritti e interpretare i discorsi spontanei dei partecipanti attivi ai processi. Allora erano in grado di interpretare a una velocità di 60 parole al minuto, per cui al sistema di trasmissione del suono dotato di console, cuffie e microfono dal lato interpreti, e a quello di ricezione del suono all’orecchio degli ascoltatori, si aggiungevano le luci dal lato oratori: la luce gialla indicava di rallentare, la luce rossa di fermarsi per consentire agli interpreti di recuperare le parti mancanti. Gli stessi interpreti protagonisti del Processo di Norimberga furono successivamente impiegati alle Nazioni Unite.

Il sistema classico di interpretazione simultanea per grandi conferenze internazionali o per ampi gruppi di partecipanti richiede: un sistema di trasmissione del suono con una cabina insonorizzata (in modo da favorire la concentrazione degli interpreti) contenente una console alla quale sono collegate delle cuffie (per consentire all’interprete di ascoltare la voce dell’oratore che parla al microfono della sala) e un microfono (al quale l’interprete traduce), e un sistema di ricezione del suono costituito da ricevitori e cuffie senza fili da cui il pubblico ascolta la voce dell’interprete, selezionando il canale corrispondente alla lingua di interesse. Per scrupolo, specifichiamo che servono almeno due console per cabina, ciascuna dotata di cuffie, microfono e comandi per l’accensione e lo spegnimento del microfono, la regolazione del volume, il cambio del canale della lingua ecc. (per approfondire, si veda: https://www.interpretetraduttricesimultanea.com/Interpretazione%20simultanea.html). Questo sistema con la cabina fu utilizzato per la prima volta nel 1933 in occasione della XIII sessione del Comitato Esecutivo del Comintern.

Le abilità dell’interprete  

Lo svolgimento di un compito così complesso di traduzione orale in tempo reale da una lingua all’altra richiede all’interprete, oltre alle elevate competenze linguistiche, un lungo percorso di studio e di pratica professionale per sviluppare ottime capacità di ascolto, concentrazione, comprensione, analisi, rielaborazione e traduzione rapida del messaggio originale. A queste fasi simultanee dell’interpretazione si aggiunge la memoria a breve termine: per elaborare il messaggio, l’interprete necessita di qualche secondo di décalage, ovvero di scarto temporale tra l’ascolto del messaggio e la produzione della traduzione. Durante il décalage interviene la memoria a breve termine, che permette all’interprete di memorizzare le informazioni momentaneamente tralasciate per restituirle nella fase di resa, senza tradurre le parole, bensì interpretando il messaggio. Nel frattempo, l’interprete continua ad ascoltare l’oratore e mentre traduce si prepara alla frase successiva.

Le varie ricerche sull’attivazione delle aree del cervello sottoposto all’attività di interpretazione simultanea hanno scoperto che non vi sono aree specifiche che rendono gli interpreti simultaneisti soggetti “anomali”, bensì il cervello è capace di coordinare rapidamente più aree che normalmente svolgono attività generali. L’area di Broca partecipa alla produzione del linguaggio, è coinvolta nella memoria a breve termine, nell’abilità di ragionamento e nel pensiero astratto ed è legata alle aree vicine responsabili della comprensione e della produzione del linguaggio; il corpo striato è composto dal nucleo caudato e dal putamen, due aree che partecipano a compiti complessi come l’apprendimento, la pianificazione, le capacità decisionali e il movimento.

Ora, la prossima volta che vi capiterà di ascoltare dei simultaneisti, non chiedetevi come facciano a tradurre così velocemente coprendo la voce di chi parla: l’interpretazione simultanea è un lavoro e una professione che non si improvvisa, ma si apprende con un arduo percorso di pratica e di studio che non finisce mai, e soprattutto con una lunga esperienza sul campo.

Il lavoro dell’interprete: una professione, molteplici contesti

di Sergio Paris

0

Quando in ambito accademico e non solo si parla della figura dell’interprete, la prima idea che viene in mente è la persona seduta all’interno di una cabina che, ascoltando il discorso originale in cuffia, traduce al microfono simultaneamente in un’altra lingua. Si tratta di un’associazione mentale più che lecita che ovviamente rientra tra le modalità di interpretazione più utilizzate nella maggior parte dei convegni e dei meeting a livello internazionale.

La simultanea è, tra le modalità di interpretazione, una delle più impegnative, in cui il livello di concentrazione deve rimanere alto e l’improvvisazione non ha scampo. Nessun interprete professionista si azzarderebbe mai a cimentarsi in una pratica così altamente tecnica senza un’adeguata preparazione.

Tuttavia, in questo articolo, vorrei parlare invece di cosa accade quando l’interprete viene chiamato a lavorare “fuori dalla cabina”. Non mi riferisco tanto all’interpretazione consecutiva che, seppur non in cabina, ha una definizione del proprio raggio di azione e quindi, come per la simultanea, anche la modalità consecutiva presenta un percorso formativo specifico e soprattutto condizioni di lavoro ben definite.

Cosa succede tuttavia quando si esce dalla cosiddetta “comfort zone”, se così la vogliamo definire? Personalmente svolgo questo lavoro da quasi 18 anni e dopo molte giornate sia come simultaneista che come consecutivista, in questi ultimi 5/6 anni spesso mi sono ritrovato a lavorare anche in molte situazioni al di fuori della summenzionata “comfort zone”, soprattutto in ambito tecnico, un settore al quale non si può sfuggire quando si lavora con una lingua come il tedesco. Corsi di formazione tecnica, visite aziendali, trattative tecnico-commerciali sono tutte situazioni che vedono l’interprete essere fisicamente il “trait d’union” dei soggetti parlanti lingue diverse. Tuttavia, ci sono anche forme di interpretazione simultanea anche in questi casi con l’utilizzo del cosiddetto bidule; ovvero si esce fuori dalla cabina che rappresenta da sempre, come ho già avuto modo di dire, la nostra “comfort zone” prediletta.

Quali sono però le difficoltà che l’interprete potrebbe trovarsi di fronte? Che sia una simultanea in bidule, una consecutiva davanti a un macchinario o una trattativa all’interno di un’officina particolarmente rumorosa, la concentrazione e lo sforzo mentale vengono sempre messi a dura prova. Dal mio punto di vista, devo ammettere che è proprio grazie a queste esperienze più tecniche e meno ordinarie che poi riesco a gestire meglio sia psicologicamente che linguisticamente qualsiasi tipo di difficoltà in cabina o al di fuori di essa. L’accavallarsi delle voci, lo spostamento fisico e l’improvvisazione delle battute che i due interlocutori si scambiano sono elementi che vanno a rendere la resa dell’interprete ancor più difficoltosa e non per questo meno gratificante.

Per alcuni anni ho insegnato interpretazione consecutiva e simultanea di lingua tedesca in una scuola universitaria privata per interpreti e traduttori e in occasione di alcuni momenti di dialogo con i miei studenti già allora facevo presente che non andava screditata nessuna forma di interpretazione. Il mio messaggio era ed è ancora questo: si è sempre interpreti, in qualsiasi ambito siamo chiamati a operare. Non è giusto pensare che il simultaneista è più interprete del trattativista. Si possono svolgere entrambe le modalità nel pieno rispetto del rigore professionale che ne compete.

Ancora oggi il mio approccio professionale è esattamente lo stesso, come anche il tipo di preparazione che vado ad affrontare. Se dovessi spezzare una lancia a favore del contesto lavorativo “fuori cabina”, potrei dire che quando si lavora più a contatto con gli interlocutori, ci si sente decisamente più parte attiva dell’atto comunicativo nel quale ci troviamo a svolgere il nostro servizio. L’intenzione, lo scopo, le emozioni e soprattutto il messaggio sono più immediati e la stessa vicinanza fisica ci permette anche di recuperare quella parte del messaggio che magari non siamo riusciti a cogliere al primo ascolto. E poi, cosa fondamentale, si percepisce più empatia che a mio modesto parere è essenziale, soprattutto in determinati contesti come il “community interpreting” e non solo. Difficilmente si può esperire la stessa empatia quando si è per così dire rinchiusi in una cabina insonorizzata.

In ultimo, lasciatemelo dire, fuori dalla cabina gli interlocutori e i fruitori del nostro servizio ci vedono e si accorgono di noi e nella maggior parte dei casi ci ringraziano per la qualità del nostro servizio, anche in maniera più diretta.

Mi rallegra il fatto che da qualche anno a questa parte anche il mondo accademico e della formazione si è accorto della necessità di addestrare figure professionali in tal senso che sappiano andare anche oltre le classiche forme di interpretazione simultanea e consecutiva. Non è assolutamente vero che se si è in grado di affrontare una simultanea, allora si possa far fronte a un corso di formazione su un macchinario o a una semplice trattativa commerciale. Ci sono regole e dettagli ben precisi da osservare anche in questi ambiti lavorativi.

In conclusione, anche la classica figura dell’interprete simultaneista, oramai posta di fronte alla sempre più imperante innovazione tecnologica come il “Remote Simultaneous Interpreting”, sta cambiando in termini di flessibilità e operatività, proprio perché sono sempre più i contesti comunicativi in cui è necessaria la sua presenza. La pratica è da sempre la migliore scuola, ma se anche la formazione fosse più attenta a queste nuove esigenze, saremmo sicuramente più preparati e meno restii a svolgere determinati servizi che possono sembrare meno gratificanti, ma che in realtà meritano la stessa attenzione di qualsiasi altro servizio di interpretazione simultanea e consecutiva.

Non è mia intenzione dare più o meno valore a una o all’altra forma di interpretazione. Come dicevo, anzi lo specifico ora, non esistono interpreti di serie A o interpreti di serie B. Nelle mie numerose giornate mi è capitato spesso di passare da una cabina a un macchinario, da una tavola rotonda al sedile posteriore di un auto aziendale con a bordo un incontro informale di un certo livello e a metà di una scala con sopra e sotto di me i due interlocutori da mediare. Situazioni queste che possono verificarsi anche nell’arco di pochi giorni, situazioni queste in cui l’interprete esprime al meglio la sua dote principale ovvero la flessibilità mentale e quindi, in virtù di quanto sopra descritto, fisica.

N.d.R.: Il presente articolo non ha alcuna pretesa formativa, né tanto meno si basa su dati scientifici. È solo frutto della mia esperienza sul campo in qualità di interprete e traduttore di madrelingua italiana per le lingue tedesco e inglese (dal 2002).

 

Informazioni sull’autore:

Mi chiamo Sergio Paris e dal 2002 lavoro come interprete di conferenza e traduttore freelance per le lingue italiano, tedesco e inglese. Risiedo in Umbria ma per motivi di studio e di lavoro sono sempre stato in giro per l’Europa. Da bambino la grande passione per la geografia si è subito trasformata in un amore smisurato per le lingue e le culture straniere, soprattutto germaniche. Nel tempo libero adoro leggere, correre all’aria aperta in mezzo alla natura e godere di qualsiasi forma d’arte l’uomo sia in grado di esprimere. Per maggiori informazioni su di me, date un’occhiata al mio sito web: www.sergioparis.it

L’interpretazione consecutiva: 5 miti da sfatare

20190128_133537

L’interpretazione consecutiva è una modalità di traduzione orale. È detta interpretazione consecutiva perché l’interpretazione avviene dopo l’intervento dell’oratore. L’interprete è vicino all’oratore e ascolta il suo discorso prendendo appunti. Quando l’oratore finisce di parlare (dopo cinque o dieci minuti al massimo), l’interprete riproduce quanto ha detto in un’altra lingua.

(definizione tratta dal sito https://www.interpretetraduttricesimultanea.com)

Già nell’articolo di questo blog “Gli interpreti e il principio di riservatezza dopo il vertice di Helsinki 2018” si era fatto cenno a questa modalità quando si parlava della tecnica di presa di appunti degli interpreti in ambito diplomatico.

Provando ora a calarci nei panni di qualcuno che non è esperto del settore, è abituato ad ascoltare gli interpreti di conferenza e sta assistendo a questa modalità di interpretazione, potremmo affermare che:

  • l’interpretazione consecutiva è più semplice dell’interpretazione simultanea;
  • essendo più semplice, è meno costosa della simultanea;
  • se l’oratore si dilunga, l’interprete può riassumere ciò che ha detto;
  • i simboli che usa l’interprete nei suoi appunti sono quelli degli stenografi;
  • dagli appunti dell’interprete è possibile ricostruire il discorso dell’oratore.

Proviamo ora a spiegarvi perché tutti e cinque sono dei miti da sfatare.

Come vedete, non prendiamo in considerazione il punto di vista di un fruitore del servizio che non ha mai avuto a che fare con gli interpreti e non ne conosce il percorso formativo e professionale. Se così fosse, dovremmo aggiungere un altro luogo comune piuttosto diffuso: per fare l’interprete basta conoscere due (o più) lingue. Evitiamo l’argomento in quanto fin dall’inizio abbiamo affermato che l’interpretazione presuppone la conoscenza e l’applicazione di una tecnica, il che significa che non è un’attività che si può improvvisare. Analizziamo quindi le tre affermazioni.

L’interpretazione consecutiva è più semplice dell’interpretazione simultanea

Falso.

Ascoltare con attenzione un discorso, saperne creare mentre lo si ascolta una mappa mentale e scritta che ne riproduca le singole unità, il filo logico che le lega e i dettagli precisi richiede varie abilità e competenze. Infatti, se è vero che il discorso va tradotto consecutivamente, esso va compreso e strutturato simultaneamente. È quindi necessaria innanzitutto un’elevata capacità di concentrazione, così come è richiesta nell’interpretazione simultanea; inoltre l’interprete deve conoscere bene la struttura linguistica della lingua di partenza e della lingua di arrivo, al fine di strutturare mentalmente e sul foglio le unità del discorso; ancora, l’interprete deve conoscere l’argomento o almeno sapere di cosa si sta parlando, al fine di riprodurre i nessi logici tra le varie unità; infine, all’interprete è richiesta una grande attenzione al dettaglio, oltre alla velocità e alla capacità di analisi e di sintesi.

Queste abilità sono anche richieste nell’interpretazione simultanea, con la differenza che in questo caso la mappa mentale si crea e il filo logico si segue contemporaneamente al discorso, per cui l’interprete simultaneista (abituato a condividere l’attenzione tra il testo che ascolta e il testo che produce e a sentire parlare allo stesso tempo l’oratore e se stesso), a differenza del consecutivista, se riesce a mantenere la velocità e la concentrazione, non rischia di perdersi i dettagli in quanto li rende subito nella lingua di arrivo.

Per finire, mentre il simultaneista è (solitamente) nascosto in una cabina insonorizzata, il consecutivista è direttamente esposto al contatto con il pubblico che lo ascolta, per cui è maggiormente chiamato all’interazione e alla messa in atto di abilità empatiche e “recitative” (si veda l’articolo “Gli interpreti: attori invisibili?”).

Essendo più semplice, è meno costosa della simultanea            

Vero e falso.

Rispetto alla tariffa dell’interprete simultaneista, quella del consecutivista è più alta, in quanto dal suo punto di vista le difficoltà del servizio sono maggiori.

Tuttavia, mentre il simultaneista lavora sempre con un collega, con il quale si alterna ogni 20 o 30 minuti, il consecutivista è in grado di lavorare da solo, poiché la natura del servizio gli consente di distribuire lo sforzo mentale senza concentrarlo in un’attività che prevede simultaneamente l’ascolto, la rielaborazione e la resa.

Questo significa che complessivamente il cliente pagherà di meno un servizio di interpretazione consecutiva, in quanto assumerà un interprete anziché due, ma in ogni caso dovrà tenere presente che i tempi della consecutiva si allungheranno rispetto a quelli della simultanea.

Se l’oratore si dilunga, l’interprete può riassumere ciò che ha detto

Falso.

Un’interpretazione consecutiva non è un riassunto. È vero che il fruitore del servizio (il pubblico) è interessato a conoscere il contenuto del messaggio originale, ma poiché un interprete professionista non è un tuttologo, non è compito suo selezionare le informazioni importanti e scartare quelle che ritiene inutili.

Ci sono lingue come l’italiano che nella pratica sono spesso usate per fare degli interventi molto prolissi ma riassumibili in poche parole. In questo caso, se è possibile rendere il contenuto del testo di partenza con meno parole, soprattutto in lingue come l’inglese o il tedesco, l’interprete è tenuto a fornire una consecutiva più breve dell’originale, ma ciò non significa affatto riassumere, bensì “interpretare” il messaggio ai fini di una resa chiara e fedele.

I simboli che usa l’interprete nei suoi appunti sono quelli degli stenografi 

Falso.

I simboli servono per velocizzare la presa di appunti, che avviene simultaneamente all’ascolto del discorso. Esistono dei simboli standard, ma l’interprete non è obbligato a utilizzarli: alcuni ricordano meglio le informazioni scrivendo le parole, altri usano abbreviazioni, altri simboli inventati che rimandano a parole o concetti, altri non prendono appunti e altri ancora combinano tutte queste possibilità insieme, magari utilizzando parole nella lingua di partenza, nella lingua di arrivo, in entrambe o in un’altra lingua! La tecnica di presa di appunti è quindi molto personale e soggettiva e ogni interprete usa la sua, l’importante è che riesca a ricostruire il messaggio di partenza per poterlo interpretare correttamente nella lingua di arrivo.

Dagli appunti dell’interprete è possibile ricostruire il discorso dell’oratore

Falso.

Va da sé che qualsiasi richiesta rivolta a un’interprete di sottoporre i suoi appunti all’attenzione e all’analisi di terzi si rivelerà inutile: nessuno può capire quello che l’interprete ha scritto e a volte nemmeno lui lo sa!

Alcuni riescono a riprodurre una mappa molto strutturata che segue l’analisi logica delle frasi, per cui potrebbero essere anche in grado di reinterpretare quegli appunti a distanza di tempo, ma difficilmente succede, in quanto per ragioni di riservatezza nei confronti del cliente l’interprete distrugge gli appunti subito dopo il convegno. Altri invece usano queste mappe solamente a supporto della memoria, per cui sul foglio si possono vedere solo frecce, cerchi, quadrati o altri segni incomprensibili a chiunque, quindi non ricostruibili nemmeno dall’interprete subito dopo averli usati per interpretare il discorso e tantomeno a distanza di giorni o settimane. Infine, lavorando su unità di senso per ricostruire il contenuto e non sul contenuto stesso, l’interprete non ricorda mai quello che ha detto. Per queste ragioni sarebbe del tutto inutile chiamarlo a testimoniare!

Ora che abbiamo sfatato cinque miti comuni sull’interpretazione consecutiva vista da un fruitore medio, vorremmo fare un’ultima considerazione che esprime il punto di vista di molti interpreti: sebbene la consecutiva possa adattarsi maggiormente a personalità estroverse ed empatiche (e nemmeno questo va dato per scontato!), resta sempre un compito estremamente complesso che spesso passa al secondo posto nelle preferenze degli interpreti abituati a lavorare anche come simultaneisti.

La ricompensa del consecutivista è il maggiore riconoscimento che ottiene alla fine, qualora sia riuscito a fare un buon lavoro. A rendergli merito è il calore del pubblico e un dubbio che attanaglia la mente di chi lo ha visto e ascoltato: “Ma… quello era uno stenografo o un attore?”.

Gli interpreti: attori invisibili?

Senza-titolo-1

Il 16 aprile si è celebrata la Giornata Mondiale della Voce. Dedichiamo questo articolo agli interpreti, i professionisti della lingua che fanno della voce lo strumento principale del loro mestiere.

Ribadiamo ancora una volta che l’uso delle parole è importante: infatti, preso fuori contesto, il termine “interprete” può fare riferimento anche ai professionisti della recitazione (a proposito di confusione terminologica, si veda anche l’articolo “L’uso delle parole nel giornalismo: si dice “traduttori” o “interpreti”?”). In realtà, non è un caso che in certe lingue si usi lo stesso termine per indicare le due figure: effettivamente esistono dei parallelismi.

Nel video “The skills of an actor in interpreting”, Matthew Perret spiega che sia gli interpreti che gli attori trasmettono un messaggio e per farlo è richiesta a entrambi, oltre alla conoscenza pratica di tecniche sofisticate, anche una certa dose di “invisibilità”. In che modo l’interprete deve calarsi nei panni dell’oratore, così come un attore si cala nei panni del personaggio? Il segreto per veicolare con successo il messaggio sarebbe trovare il giusto equilibrio tra l’espressione dell’ego e l’espressione dei sentimenti del personaggio o dell’intenzione dell’oratore. Infatti, un ego eccessivo rischierebbe di far concentrare il pubblico sulla resa dell’interprete, mentre una scarsa immedesimazione avrebbe l’effetto di far sembrare la resa insicura o poco professionale. Invece, una combinazione equilibrata di immedesimazione e resa scorrevole e quanto più vicina al registro del personaggio/oratore sarebbe il parametro ideale per una buona performance.

In the beginning was the Word. In the beginning was… the Voice. Perhaps.

“In principio era il Verbo. In principio era… la Voce. Forse.”

Con queste parole, Perret ci vuole dire che nel mestiere dell’interpretariato non sono (soltanto) le parole a fare la resa, ma anche l’intonazione. Ovviamente (sottolinea Perret in un altro esempio), l’interprete non è un attore: se l’oratore urla e sbatte i piedi arrabbiato, l’interprete simultaneista che lavora in una cabina insonorizzata (ma anche l’interprete consecutivista che lavora vicino all’oratore) non può fare lo stesso: sarebbe inutile, innanzitutto perché il pubblico vedrebbe già l’oratore, in secondo luogo perché si avvertirebbe dalla cabina un fastidioso trambusto.

Quanto è importante quindi la voce nel mondo dell’interpretariato? E se un professionista avesse tutte le caratteristiche per poter svolgere il mestiere ma non avesse un timbro vocale gradevole? Nell’articolo “Serve una bella voce per fare l’interprete?”, Emanuela Cardetta spiega come sia possibile rimediare, lavorando su alcuni aspetti: mantenere la fluidità e la scorrevolezza dell’eloquio, dare un’intonazione al discorso, eliminare le pause piene, il respiro affannoso e gli accenti regionali, e fare attenzione al volume mantenendo una distanza adeguata dal microfono.

Ora che abbiamo svelato alcuni trucchi del mestiere… è davvero possibile per un interprete mantenersi invisibile? Nessuno ne parla apertamente, ma fin dagli anni Novanta il mondo accademico, le associazioni professionali e gli stessi interpreti vedono aleggiare nell’aria l’inquietante spettro dell’invisibilità. Nell’articolo “Finding and critiquing the invisible interpreter – A response to Uldis Ozolins”, Jonathan Downie cita il codice AIIC (AIIC Practical Guide for Professional Conference Interpreters, 1993), che non parla di invisibilità, ma ne incoraggia la pratica:

(…) make them [the audience] forget they are hearing the speaker through the interpreter.

“(…) far loro [al pubblico] dimenticare che ascoltano l’oratore attraverso l’interprete.”

In altre parole, l’interprete è il portavoce dell’oratore e come tale non è tenuto a dare spiegazioni e chiarimenti o a prendere decisioni indipendenti. Ciò è anche giusto se l’obiettivo è incoraggiare il rispetto di un’etica professionale di fedeltà al messaggio, altrimenti si rischia di suscitare nel pubblico un effetto di alienazione: l’ego dell’interprete porterebbe chi lo ascolta a vederlo come unico soggetto attivo rilevante della comunicazione.

Tuttavia, nella pratica, gli interpreti di conferenza omettono le ridondanze, adattano le strutture linguistiche, sostituiscono od omettono le battute; gli interpreti di tribunale adeguano anche il registro; gli interpreti di comunità o di trattativa consigliano gli oratori, coordinano i turni tra i parlanti, spiegano processi e problemi, evitano faux pas culturali.

La figura dell’interprete rimarrebbe quindi sospesa a metà tra un attore invisibile e un mediatore versatile che si adatta al contesto comunicazionale, che più che invisibile deve essere necessariamente “imparziale”, termine introdotto da Uldis Ozolins come sinonimo di “neutrale” o (secondo Daniel Gile) fedele a entrambi gli oratori, “bi-parziale”, in continuo equilibrio dinamico a partire dalla sua posizione centrale.

Successivamente, queste posizioni “intermedie” hanno avuto seguito e hanno portato a vedere la figura dell’interprete come mediatore o oratore indipendente (si vedano i contributi alla ricerca di Ebru Diriker).

In realtà, gli interpreti raccontano le parole dell’oratore, ma usano la voce e le loro abilità di mediazione per prendere decisioni indipendenti, ed è anche questo che rende il loro mestiere dinamico e versatile. Questo intervento arbitrario e strategico dell’interprete, spesso impercettibile anche a quei clienti-utenti che reputerebbero indispensabile la sua invisibilità, è essenziale a causa della presenza di culture, lingue e persone diverse che interagiscono nella comunicazione (si veda anche l’articolo di Jonathan Downie “Invisible interpreting is dead; long live added-value interpreting”).

In fondo, come diceva Peadar Ó Guilín in The Inferior:

Changing words isn’t so hard. Recognizing a particular sound, swapping it for another – that was easy even for your ancestors. Reading what happens in your head and the heads of all the beings around you, now that is difficult. Finding equivalents in one culture for the basic concepts of another – that is really difficult.

“Cambiare le parole non è così difficile. Riconoscere un suono particolare, scambiarlo per un altro – questo era facile anche per i nostri antenati. Leggere quello che succede nella mente tua e di tutti gli esseri umani intorno a te, questo è difficile. Trovare in una cultura equivalenti per i concetti basilari di un’altra – questo è davvero difficile.”

“Chuchotage”

senza-titolo-1

Chuchotage è un cortometraggio di genere drammatico di Barnabás Tóth prodotto da Laokoon Filmgroup e uscito nel luglio 2018. È visibile su Vimeo al seguente link: https://vimeo.com/309900652 e illustra il lavoro degli interpreti simultaneisti durante una conferenza internazionale… quando ad ascoltarli è un solo partecipante.

Infatti, come citato alla fine del film, lo chuchotage è “la forma più difficile di interpretazione, nella quale l’interprete effettua l’interpretazione simultanea senza l’ausilio di un dispositivo o di un sistema di interpretazione. Seduto a fianco del cliente, il linguista sussurra l’interpretazione di quanto detto dagli altri, ma interpreta ad alta voce le parole del cliente. Questa forma di interpretazione può essere svolta con un livello di qualità sufficiente solo se un gruppo molto ristretto di persone necessita dell’interpretazione” (fonte: Associazione ungherese di traduttori e interpreti).

How many hours have I spoken, in these dark, tiny booths… hidden in the back of the room… I’m a man in the shadows. I’m not part of the protocol, I’m not part of the official program, yet here I am. Translating politicians, tradesmen, lawyers. I’m the guardian of secrets. Countries and millions depend on me. I live by strict rules, nothing ever puts me off. Except you. I’ve never been so confidential with someone before. I can see your hair, your neck, your earrings. I see you’re listening to me. There are 70 people in that room, but you’re the only one hearing me. I flew over half of Europe, I got up at 4 am, landed in Prague at 7, watching you since 9 o’ clock. Can’t take my eyes off you since then. I want to meet you. I want to see you. Up close. I want to hear your voice. For you I would step out of the shadows, into the light. You don’t speak English, I will be your interpreter. I’ll follow you everywhere, sitting behind you. Whispering into your ear. Showing you what chuchotage is.

Citazione dal film: “Quante ore ho parlato, in queste minuscole cabine buie… nascosto sul retro della stanza… sono un uomo nell’ombra. Non faccio parte del protocollo, non faccio parte del programma ufficiale, ma sono qui. A tradurre politici, imprenditori, avvocati. Sono il guardiano dei segreti. Interi paesi e milioni di persone dipendono da me. Seguo regole rigide, nulla mai mi dissuade. Tranne te. Non sono stato mai così confidenziale con qualcuno prima d’ora. Vedo i tuoi capelli, il tuo collo, i tuoi orecchini. Vedo che mi stai ascoltando. Ci sono 70 persone in quella stanza, ma tu sei l’unica che mi sente. Ho percorso mezza Europa in aereo, mi sono alzato alle 4:00 di mattina, sono atterrato a Praga alle 7:00, e ti osservo dalle 9:00. Non riesco a toglierti gli occhi di dosso da allora. Voglio incontrarti. Voglio vederti. Da vicino. Voglio sentire la tua voce. Per te uscirei dall’ombra, sotto la luce. Non conosci l’inglese, io sarò il tuo interprete. Ti seguirò ovunque, seduto dietro di te. Per sussurrarti all’orecchio. Per farti vedere cos’è lo chuchotage.”